HostingVirtuale

1 -Comprendere il mondo che cambia

Comprendere il mondo che cambia Analisi delle mutazioni che caratterizzano il nostro tempo

 Giovedì 27 ottobre 2011   

relatore: prof. Gianpiero Dalla Zuanna, preside della Facoltà di Scienze Statistichepresso Università di Padova

SINTESI INCONTRO 

 Nel corso dell’incontro con il prof. Dalla Zuanna, si è fatta un’analisi della situazione della famiglia in relazione ai grandi mutamenti sociali, culturali ed economici che consideriamo alle radici dei mali attuali della famiglia e, per taluni, addirittura le cause profonde di un progressivo ed inarrestabile declino di questa.

Ma questo – sostiene dati alla mano dalla Zuanna – è un mito da sfatare, una “cosa da non credere”. La famiglia, infatti, porta certamente con sé le fatiche di una società in evoluzione, ma non è affatto alla fine.

Innanzitutto noi tendiamo a cercare le cause della crisi della famiglia in un tempo molto recente, vicino a noi. In realtà i rapidi cambiamenti degli ultimi decenni non hanno fatto che accelerare una trasformazione dei legami familiari già in atto da tempi lontani.

Dobbiamo andare al ‘600, alla prima rivoluzione industriale, quando si registra un lento passaggio culturale dell’uomo medievale all’uomo contemporaneo, nella prospettiva di una SVOLTA INDIVIDUALISTA.

L’individuo – a partire prima dalle classi più alte e poi, via via ad estendersi anche alla nascente classe operaia urbana – diventa protagonista della vita politica, economica, sociale. In tale prospettiva  nasce e si consolida il concetto di UNIONE ROMANTICA, e questo apre ad un nuovo modo di intendere e vivere il MATRIMONIO, prima inteso principalmente come un contratto, un patto d’interesse, dei due, ma soprattutto delle famiglie d’origine

AMORE CORRISPOSTO (come base e presupposto matrimoniale)

CRESCITA SEPARAZIONI E DIVORZI  (se cessa l’amore cessa il matrimonio)

→  DIVERSE OPZIONI PER UNIONE DI COPPIA, convivenze, figli nati fuori dal matrimonio (dal momento che è l’amore a sostenere l’unione della coppia)

A partire da qui, dunque, si evidenziano gli elementi di DISCONTINUITA’ rispetto alla famiglia della tradizione; elementi che l’accelerazione dovuta ai cambiamenti degli ultimi tempi, ha posto ancor più in evidenza e urgenza.

Ma vi sono anche importanti ed incoraggianti elementi di CONTINUITA’:

→ STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI BAMBINI NASCE E CERSCE(almeno per i primi anni) CON ENTRAMBI I GENITORI

→ I GIOVANI CONTINUANO A DARE GRANDE IMPORTANZA AL MATRIMONIO

→ GRANDE IMPORTANZA DEI LEGAMI DI SANGUE, fra genitori, figli e fratelli.

Quest’ultimo è il dato più importante. Questa specificità affonda le sue radici nel passato, e non è affatto diminuita con l’affermarsi del benessere e con la rivoluzione culturale avviata negli anni ’60.

Dobbiamo anzi considerare la forza dei legami parentali ALLA BASE DELLA SORPRENDENTE FORZA ECONOMICA DELLE FAMIGLIE ITALIANE.

Quanto ciò sia vero lo vediamo molto chiaramente in questi tempi di crisi, dove la famiglia agisce da vero ammortizzatore sociale nei confronti soprattutto delle parti più fragili della società (bambini, giovani, anziani), ma anche nel sostegno nelle difficoltà (perdita temporanea o definitiva del lavoro)

Di questo bisognerà tenere conto anche quando parleremo di welfare. Perché ci sembra di aver capito che un WELFARE A MISURA D’ITALIA non possa non passare attraverso questa specificità e questo patrimonio italiani.


Per chi non ha potuto essere presente alla serata è disponibile il file audio della serata  :

audioaudio .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 Scuola di formazione Sociale di S.Agnese in Treviso | ScrollMe by AccessPress Themes