5. Incontro filosofico-antropologico.

Relatore: prof. Roberto Presilla, professore incaricato di Logica, Facoltà di Filosofia, Pontificia Università Gregoriana

Data: giovedì 7 marzo 2013

 

Sintesi Incontro

Con il prof. Presilla è stato affrontato sotto il profilo filosofico-antropologico il tema della crisi.

Significato della parola CRISI. Nel Nuovo Testamento, in Giovanni il termine è assunto con il significato di GIUDIZIO, giudizio nel processo e giudizio universale.

Ma la nostra idea di CRISI è molto diversa:indica qsa che prima funzionava e ora non funziona più. Perché? Perché sono venute meno le condizioni che in un primo tempo rendevano funzionante un sistema, ad esempio quello economico. La soluzione consiste nell’apportare quegli adattamenti necessari a far nuovamente funzionare il sistema economico, mantenendo i principi sui quali il sistema si basa. Attenzione però: l’intervento va attuato sulle condizioni non sui principi economici. E la crisi appare come un elemento fisiologico, naturale, nel percorso dell’economia. Un momento da superare per poi riprendere il cammino.

Se invece recuperiamo la CRISI nel suo significato di giudizio, ossia separazione tra due posizioni; allora la crisi non è più solo un momento di confusione da superare, ma momento cruciale che deve condurci a fare verità: difronte al crollo di un sistema economico, allora non mi preoccuperò solo di trovare il modo di uscirne, ma ni chiederò: quale verità mi si sta svelando? Quali strade si aprono davanti a me? La crisi mi può portare ad uno sguardo nuovo, uno sguardo ESCATOLOGICO, che supera il contingente, ma capace di illuminare il presente, la storia, permettendoci di aprire orizzonti nuovi, azioni e soluzioni nuove per la nostra vita. Per il cristiano la virtù escatologica per eccellenza è la speranza, che si fonda  a sulla certezza della salvezza donata a tutti da Cristo. La speranza è, a livello culturale, la più grande differenza che i cristiani possono fare nella storia, poiché li rende capaci di immaginare una vita diversa, che prima di tutto comincia dalla personale conversione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *