50 voci per rileggere in un mese l ’enciclica Laudato si

La Laudato Si’, l’enciclica di papa Francesco sulla “cura della casa comune” , può aiutare a riflettere su
questo tempo e sullo stile con cui “ripartire” . Ogni giorno, dal 1° al 31 maggio, giorno di Pentecoste, varie
voci del mondo ecclesiale, della cultura, della scienza, delle istituzioni e dell’economia, si alterneranno nel leggere, con un loro brevissimo commento, tutta l’enciclica in “piccole dosi” quotidiane. I video , realizzati
nei propri studi, nelle proprie case, saranno pubblicati ogni giorno alle 17 nella pagina

Facebook e Youtube dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Giovanni Paolo I ” ( e  nella nostra pagina facebook) , con la collaborazione delle Diocesi di Belluno-Feltre, Treviso e Vittorio Veneto.
Venerdì 1° maggio hanno dato il via all’iniziativa il vescovo di Treviso, Michele Tomasi , e padre Athenagoras
Fasiolo, ortodosso, rettore del monastero di Santa Barbara di Montaner di Sarmede.

 
L’attualità dell’Enciclica a cinque anni dalla sua pubblicazione, ha fatto emergere, in un gruppo di docenti e
studenti dell’ISSR Giovanni Paolo I, il desiderio di “rileggere” questo testo durante la “Fase 2” della crisi legata a COVID-19: nel momento di ripartire, pur con molta lentezza a con tutte le attenzioni necessarie, sembra importante
di alogare e riflettere molto, anche se costretti ad agire con un a certa “velocità”, affinché non si punti a “riportare tutto come prima”, né a pensare che, in maniera “magica” , “comunque cambierà tutto”
. C’è il rischio concreto che non cambi niente, se non in peggio: a meno che, non si approfitti di questa “ sosta forzata” per pensare insieme al le scelte da fare nelle prossime settimane, mesi, anni.